La dimensione sociale dell’ESG: punto cardine per aziende sostenibili

Giugno 3, 2024

Il nuovo approccio ESG (Environment, Social e Governance) sta trasformando l’approccio delle aziende alla sostenibilità.

Ma in cosa consiste la componente “S” e quale peso riveste?

Il fulcro sociale dell’ESG: non solo un obbligo, ma un’occasione

La “S” in ESG enfatizza le interazioni tra l’impresa e i suoi stakeholder: dipendenti, fornitori, clientela e comunità locali. Alcuni esempi:

  • approvvigionamento etico: un brand di moda aderisce a politiche di fair trade, scegliendo fornitori che assicurano retribuzioni giuste e luoghi di lavoro sicuri
  • impatto sulla comunità: un’azienda estrattiva investe in infrastrutture comunitarie, come istituti educativi e strutture sanitarie, supportando l’economia e il tessuto sociale locali
  • diversità e inclusione: una multinazionale incentiva l’assunzione di persone di gruppi di minoranze, arricchendo la propria cultura aziendale.

Questi esempi illustrano come la “S” possa evolvere da impegno a strumento strategico per il vantaggio competitivo duraturo.

ESG per l’HR: creare un ambiente inclusivo e stimolante

Per l’HR, la “S” comporta una rivoluzione culturale e l’attuazione di misure tangibili. Gli HR sono cruciali nel definire la traiettoria ESG dell’azienda, radicando uno scopo condiviso e orientando l’organizzazione verso traguardi sostenibili.

L’HR deve gestire elementi essenziali della “S”:

  • diversità e inclusione: l’HR deve promuovere un clima inclusivo, con politiche di assunzione eque e pari opportunità di carriera
  • well-being e partecipazione dei dipendenti: priorità all’equilibrio fra vita e lavoro, ponendo attenzione al benessere psico-fisico
  • diritti dei lavoratori e condizioni lavorative: l’HR deve garantire che l’azienda osservi gli standard lavorativi globali, assicurando un ambiente lavorativo sicuro e salutare.

Questi sono pilastri determinanti per un contesto lavorativo che valorizza i dipendenti e ne incentiva il benessere e l’impegno.

Metodologie HR: favorire l’adozione dei principi ESG 

Per aderire agli ESG, l’HR può partire da alcuni punti essenziali:

  • ESG nelle strategie HR: integrare la responsabilità sociale in tutte le politiche HR, dalla selezione alla valutazione delle performance
  • tecnologia come alleato: usare piattaforme tecnologiche per tracciare e analizzare dati su D&I, coinvolgimento dei lavoratori e sviluppo del talento
  • cultura della trasparenza e della accountability: generare un clima di apertura dove i lavoratori si sentano valorizzati e coinvolti, con chiarezza sugli intenti ESG della società.

Queste prassi consentono all’HR di nutrire una cultura d’impresa che rifletta l’impegno verso sostenibilità e integrazione sociale.

Qual è il ruolo della tecnologia HR?

Come accennato, la tecnologia HR può essere un grande alleato nell’adozione dei principi ESG e un catalizzatore del cambiamento culturale. In questo contesto, le soluzioni di Human Capital Management (HCM) emergono come strumenti fondamentali. Ma come possono effettivamente supportare questi cambiamenti?

  • Analitica dei dati per l’equità:  le soluzioni HCM di Talentia trasformano i dati in insight preziosi, con dashboard analitiche che tracciano le metriche di diversità su varie dimensioni. Questo permette alle organizzazioni di monitorare i progressi verso gli
    obiettivi D&I e di identificare ambiti di miglioramento, agendo con decisioni informate
    e strategiche.
  • Talent Acquisition senza pregiudizi:  gli algoritmi avanzati e gli strumenti AI di Talentia mirano a ridurre il bias inconscio nel processo di selezione. Concentrandosi su competenze e qualifiche piuttosto che su fattori demografici, facilitano pratiche di assunzione più diverse e inclusive, in linea con una cultura aziendale moderna e aperta.
  • Equità in performance e retribuzioni:  i sistemi HCM di Talentia analizzano valutazioni di performance e dati retributivi per identificare e affrontare eventuali disparità. Questo assicura un trattamento equo e giusto per tutti i dipendenti, rafforzando il senso di giustizia e appartenenza all’interno dell’organizzazione.

Il compito centrale dell’HR nel costruire un futuro sostenibile

In conclusione, la componente “S” di ESG è vitale per le imprese che mirano a una crescita consapevole. Con azioni mirate e un impegno incessante, l’HR può pilotare l’organizzazione verso un futuro sostenibile, giusto e inclusivo. La tecnologia HR, come Talentia HCM, è uno strumento chiave per realizzare una gestione efficace e responsabile del capitale umano, in perfetta sintonia con gli obiettivi ESG.

What does the S in ESG stand for?
Guarda e ascolta il nostro podcast in collaborazione con
Sven Elbert – Fosway Group
Silverio Petruzzellis e Angelica Coviello – Talentia Software

Riproduci video